Gaspara Stampa

La mia vita è un mar

La mia vita è un mar: l'acqua è 'l mio pianto,
i venti sono l'aure de' sospiri,
la speranza è la nave, i miei desiri
la vela e i remi, che la caccian tanto.

La tramontana mia è il lume santo
de' miei duo chiari, due stellanti iri,
a' quai convien ch'ancor lontana i' miri
sena timon, senza nocchier a canto.

Le perigliose e sùbite tempeste
son le teme e le fredde gelosie,
al dipartirsi tarde, al venir preste.

Bonacce non vi son, perché dal die
che voi, conte, da me lontan vi feste,
partîr con voi l'ore serene mie.

--------------------------------------------

La vita di Gaspara Stampa, nata a Padova nel 1523 e morta a Venezia nel 1554, è segnata, oltre che dalla morte precoce, dall'amore, non sempre corrisposto, per il conte Collaltino di Collalto. A lui sono dedicate la maggior parte dei 311 componimenti della Stampa, che furono pubblicati nel 1554 dalla sorella Cassandra.

Leave Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *